BLOG

La barriera corallina

meraviglia da esplorare

La barriera corallina: meraviglia da esplorare

Barriera corallina

L’immersione subacquea rappresenta per molti un momento di tranquillità e divertimento, in compagnia si esplora il mondo sommerso con il desiderio di osservare tanta vita e tanto colore.
Durante le immersioni e le vostre vacanze diving scoprirete che le aree sommerse più interessanti e pertanto affollate, sono sicuramente le barriere coralline dove è possibile ammirare scenari mozzafiato a pochi metri di profondità, ricchi di tanti animali unici e caratteristici.

Un incredibile concentrato di vita racchiuso in un complesso ecosistema regolato da specifiche condizioni ambientali quali luce, alte temperature, elevata ossigenazione, e acque ricche di nutrienti.
Il sottile equilibrio di questi fattori ambientali permette la vita a tutti gli organismi animali e vegetali dell’ecosistema corallino.

Ovviamente i processi di accrescimento sono molto lunghi, impegnativi e dispendiosi; si stima, infatti, che la barriera corallina mediamente si accresce di 1 cm l’anno.
Un dato fondamentale che ci indica quanto sia delicato e prezioso questo ecosistema, e quanto bisogna impegnarsi per non danneggiarlo in nessun modo (toccando, spaccando, tranciando, ecc.), ma tutelarlo.

 

Chi vive nelle barriere coralline?

Gli organismi marini che popolano maggiormente queste aree sommerse sono i polipi corallini, animali organizzati in affollate colonie distribuite in strutture coralline di diversa forma, consistenza e colore.
I polipi corallini, piccoli animaletti tentacolati (della dimensione media di qualche millimetro), durante la loro vita si nutrono di organismi microscopici presenti nelle acque circostanti e catturano i minerali disciolti nell’acqua per creare e accrescere la loro colonia solida e compatta (quelle che poi noi vediamo).

I polipi corallini, come tutti gli altri organismi marini affini, hanno la caratteristica di avere piccoli organi di difesa che se innescati, solitamente con il contatto, iniettano piccole dosi di tossine che possono portare dal semplice arrossamento, a vere, seppur lievi, ustioni.
Un motivo in più per evitare di toccare qualsiasi corallo vivo, e impegnarsi nel conoscere quel che si osserva.

Il buonsenso di non toccare animali marini, oltre che preservarci da sgradevoli inconvenienti, è un gran gesto ecologico e di profondo rispetto verso il mare, quel mare che riesce a darci tante emozioni.

The following two tabs change content below.

Pierpaolo Saracino

Subacqueo, naturalista, aspirante biologo marino, appassionato del mare, dei suoi tesori nascosti, e di ogni elemento del suo ecosistema. Mi immergo per esplorare, fotografare e osservare ogni angolo di vita nel mare. Studioso e curioso del mare. Scrivo e parlo del mare per farlo conoscere, ma sopratutto per farlo rispettare.

Ultimi post di Pierpaolo Saracino (vedi tutti)

Sei un operatore turistico e vuoi pubblicare le tue offerte su Viaggi per Sub?
Contattaci senza impegno all'indirizzo info@viaggipersub.it

---------------

I pacchetti, voli, soggiorni presenti su questo portale, sono organizzati da operatori turistici specializzati nel turismo subacqueo e le condizioni di vendita fanno riferimento ai rispettivi operatori.

I resort, centri diving e immersioni sono gestiti dai rispettivi proprietari e Viaggi per Sub collabora con loro per la promozione web.

© Copyright 2014 - 2018 by Viaggi sub in Italia e nel mondo - P.IVA 02191680699
Privacy policy - Cookie Policy