BLOG

Sei un subacqueo o sai andare sott’acqua?

dare cibo ai pesci

 

Oggi voglio parlarvi di quella che io considero una sottile differenza fra “l’essere un subacqueo” e il “saper andare sott’acqua”.
La mia naturale passione per la psicologia umana, mi ha portata finalmente a dare un nome alle cose e descrivere esattamente la mia visione della popolazione subacquea e non solo. La mia riflessione è nata a distanza di molti anni dal mio primo brevetto, dopo approfondimenti sulla psicologia dell’immersione e dopo alcune esperienze personali scatenanti.

La mia riflessione riguardo la personalità dei subacquei, si può brevemente riassumere con la frase:

“i subacquei sono persone speciali, ma non tutti sono uguali”

  • Ho sempre pensato che i subacquei fossero particolarmente sensibili e attenti ai temi ambientali. E’ così nella maggioranza dei casi dei subacquei che conosco, ma non per tutti!
  • Ho sempre pensato che i subacquei fossero delle “brave persone”, ma ahimè questa è pura fantasia! Fortunatamente tutti i miei amici e conoscenti lo sono. 🙂
  • Ho sempre pensato che i subacquei fossero attenti davvero agli animali marini, ma non è affatto così. Esiste tanta ignoranza anche in alcuni addetti ai lavori che dovrebbero ringraziare tutti i giorni l’ambiente e la natura, per avergli concesso di avere un lavoro, ma non è così.

Queste mie affermazioni legate ai subacquei-non-subacquei, derivano da fastidiosissime esperienze che ho vissuto più di una volta durante le mie vacanze.
Tanto per citarne alcuni, gli episodi che mi creano più irritazione sono quelli dove dalle barche (i classici barconi pieni di turisti), gli addetti ai lavori (che tra l’altro affermano di essere subacquei) buttano del cibo in mare, autorizzano i clienti a farlo e li assecondano. Lo fanno perché:

  • sono avanzi del pranzo.
  • o peggio ancora, lo fanno per “sollazzare” i turisti ignoranti (nel senso che ignorano il danno che provocano) che hanno pagato un biglietto, permettendo loro di vedere quanti più pesci possibili e mettere un’ottima recensione su Tripadvisor.

Per “cibo” intendo: patatine, crackers, salatini, pasta, pane e altri farinacei, olive, pomodoro, brioches, ecc..

 

Vediamo le loro giustificazioni…

Dai turisti ho sentito dire cose che mi fanno accapponare la pelle al solo ricordo:

  • … ma è un cornetto VUOTO!
  • … ma è una brioche INTEGRALE!
  • … non è vero che gli fa male… me l’ha detto il proprietario della barca che posso!

E dagli addetti ai lavori (che affermano di essere anche subacquei) ho sentito dire argomentazioni anche peggiori:

  • … “Non è vero che gli fa male”….e spiega anche la motivazione scientifica: “In Mar Rosso dicono di non dare da mangiare ai pesci, perché il pane gli si infila nelle branchie e muoiono O_o … ma questi pesci qui sono diversi!

Ora…. Non ci vuole una laurea in Biologia Marina per capire che dare un farinaceo (con lievito, sale o zucchero, glutine, amido, ecc..) ad un pesce faccia male.
Comprendo però, che ci vuole una particolare abilità logica per collegare il fatto che: “se tu nutri e sazi un pesce con delle schifezze, questo pesce, se rimane in vita, non andrà più a procacciarsi il suo cibo naturale”. Questo porterà ad uno squilibrio in tutto l’ecosistema marino danneggiando quindi anche esseri viventi non direttamente coinvolti da queste stupide azioni.

I turisti della domenica, sono così “ciechi” da pensare di non creare un danno agli animali, anche perché semplicemente stanno lanciando del cibo una volta sola nella loro vita, mica tutti i giorni! Quello che questi turisti ignorano (e la cosa mi fa arrabbiare un bel po’), è che la barca dove si trovano, effettuerà ben 4-6-8 corse al giorno, negli stessi punti.
Potete immaginare quante volte al giorno quei pesci sono abituati ad aspettare e ricevere cibo dannoso per loro?

Purtroppo un episodio simile mi è capitato molti anni fa anche sott’acqua, mentre facevo helmet diving alle Bermuda (di cui racconto in questo articolo e anche qui il mio viaggio).
L’helmet diving è un’esperienza subacquea fuori dal comune e molto scenografica proprio perché mentre ero sott’acqua, ho scoperto che i pesci venivano avvicinati tramite pastura.

Chi vuol vedere dei pesci è pregato di mettersi una maschera, fare subacquea, snorkeling o apnea…oppure di guardarsi un documentario. Il mare non è lo zoo!

Tu da che parte stai?

Sei un subacqueo o sai andare sott’acqua?

Se leggendo l’articolo hai provato prurito alle mani, spero vivamente tu sia un subacqueo come me! 🙂

The following two tabs change content below.

Francesca Maglione

Fondatrice di Viaggi per Sub ®. Subacquea con la passione per la natura. Non vado mai in vacanza senza pinne, maschera e macchina fotografica subacquea. In vacanza il mio motto è: visitare, fotografare, nuotare, assaggiare, scoprire.

Ultimi post di Francesca Maglione (vedi tutti)

Francesca Maglione
Ciao, mi chiamo Francesca Maglione!
Dal 2012 aiuto i subacquei a risparmiare tempo nella ricerca della propria vacanza ideale, con una selezione gratuita di immersioni e viaggi diving, curata da me.
Ho conosciuto "fuori e dentro" l'acqua (quasi) tutti i professionisti e istruttori diving con cui collaboro, quindi te li posso consigliare per esperienza personale e diretta. :)
Sono laureata in Economia del Turismo e quando non pianifico nuovi viaggi, mi occupo di Digital Marketing.



Che subacqueo sei?



COS'È VIAGGI PER SUB®?
Viaggi per Sub è il 1° aggregatore in Italia dedicato alle esperienze diving

COSA POSSO FARE PER TE?
Aiuto i subacquei a prenotare offerte e viaggi sub, risparmiando tempo e senza costi aggiuntivi.

COSA TROVI SU VIAGGI PER SUB®?
Su Viaggi per Sub trovi un'esclusiva selezione di offerte di diving center e tour operator subacquei, in un unico sito.
---------------

Le condizioni di prenotazione delle immersioni e dei viaggi presenti sul sito, fanno riferimento rispettivamente ai tour operator e operatori subacquei indicati nelle singole offerte, alla voce "Organizzato da".

© Copyright 2014 - 2020 - Viaggi per Sub ® di Francesca Maglione
è il portale n. 1 in Italia di immersioni e viaggi per subacquei
info@viaggipersub.it - P.IVA 02191680699 Privacy policy - Cookie Policy - Disclaimer