BLOG

Relitto del Paguro

Relitto del Paguro

 

Storia del relitto del Paguro

La piattaforma Paguro fu costruita dall’AGIP nella parte di mare antistante il Lido di Dante (in provincia di Ravenna) e fu varata nel 1963. Nacque come piattaforma mobile per la perforazione di pozzi per l’estrazione di gas metano nel mare Adriatico.
Purtroppo, mentre era impegnata nella perforazione di un pozzo per il raggiungimento di un giacimento a circa 2900 metri sotto il fondale, nella notte del 28 settembre 1965 si consumò la tragedia. La trivella infatti andò ad intaccare anche un giacimento sottostante (di cui non si conosceva l’esistenza) a quello interessato dalla perforazione.

Scattò subito il piano d’emergenza che fece attivare le valvole di sicurezza del pozzo. Le valvole di sicurezza funzionarono correttamente e tennero la pressione, ma purtroppo poco dopo, cedettero le pareti del pozzo sprigionando un’eruzione di gas, acqua non più controllabile.

A causa della pressione di circa 600 atmosfere che continuava ad uscire, la piattaforma s’incendiò e il giorno seguente all’esplosione s’inabissò nel cratere formato nel fondale dal gas stesso.

Mentre le fiamme raggiungevano un’altezza di 30 metri fuori dall’acqua, i mezzi di soccorso riuscirono a salvare 35 delle 38 persone che per salvarsi si gettarono in mare di notte, ma purtroppo 3 morirono annegate fra le onde. La tragedia viene oggi ricordata con la statua della Madonna posta sott’acqua fra i tralicci e visibile a chi fa immersioni subacquee.

Soltanto 6 mesi dopo, grazie ad una nuova perforazione laterale, si riuscì a cementare il pozzo esploso.

Il relitto del Paguro oggi

Il relitto del Paguro, nonostante le tragiche circostanze a cui è legato, è diventato nel tempo una meta di grande interesse per gli appassionati di immersioni subacquee sui relitti e di biologia marina grazie alla grande varietà di flora e fauna presente.
Oggi “l’Associazione Paguro” ne protegge e valorizza l’habitat subacqueo con un programma di attività teso sia al ricordo dell’evento, sia al rispetto per il nostro mare.

Questo reef artificiale è diventato anche il primo e unico sito marino ad essere nominato Sito d’Interesse Comunitario nella Regione Emilia Romagna.
Immergendosi sul Relitto del Paguro, in condizioni di buona visibilità si possono osservare: numerosi gronchi, spigole, corvine, occhiate, mormore, scorfani neri, astici, cicale di mare e alcune varietà di granchi.

La profondità minima del relitto è di 8 metri e quella massima di circa 33 metri, in corrispondenza del cratere che si formò con l’esplosione. Il fondale è fangoso e la visibilità è influenzata dalle piogge e dalle conseguenti masse d’acqua trasportate in Adriatico dai vicini grandi fiumi.
Idealmente quindi si raggiunge una migliore visibilità durante la fine dell’estate e comunque in periodi secchi, lontani dalle giornate di pioggia.

The following two tabs change content below.

Francesca Maglione

Fondatrice di Viaggi per Sub ®. Subacquea e appassionata del mare limpido, cristallino e con fondale roccioso. Non vado mai in vacanza senza pinne, maschera e macchina fotografica sub. In vacanza il mio motto è: visitare, fotografare, nuotare, fare, assaggiare, scoprire.

Ultimi post di Francesca Maglione (vedi tutti)

Viaggi per Sub è un aggregatore di immersioni diving e pacchetti turistici offerti da diversi operatori.

Dal 2014 siamo nel mercato della subacquea per aiutare i divers come Te a costruire il proprio viaggio diving su misura, nel modo più veloce e semplice possibile.
---------------

Le condizioni di prenotazione dei pacchetti immersioni e dei viaggi presenti sul sito, fanno riferimento al rispettivo operatore turistico e subacqueo indicato nelle singole offerte.

© Copyright 2014 - 2019 - Viaggi per Sub ® di Francesca Maglione
info@viaggipersub.it - P.IVA 02191680699 Privacy policy - Cookie Policy